>> HOME >> LE RICETTE DEGLI EX-ALLIEVI >> CONTATTI <<

LE RICETTE DEGLI EX-ALLIEVI



Messaggio di matricola 2 del 05/08/2012 ore 19:24:12
CARBONARA DI MARE

Ingredienti per 4 persone:

380 gr di spaghetti;
3 uova;
200 gr di seppioline pulite;
200 gr di cozze già sgusciate;
200 gr di pesce spada;
50 gr di parmigiano grattugiato;
1 ciuffo di prezzemolo;
1 spicchio d’aglio,
1/2 bicchiere di vino bianco secco;
sale, olio d’oliva e pepe (bianco) q. b.

Preparazione:
in una padella molto capiente versare l’olio e fare imbiondire l’aglio (eliminare appena dorato, diventerebbe amaro); versare lo spada a tocchetti e le seppioline nell’olio per fare insaporire il composto, mescere il vino e fare saltare per circa 5’/6’ a fuoco basso. Aggiungere a questo punto le cozze e fare insaporire tutti i componenti per circa 3’/4’. Regolare di sale e pepe e un pizzico di prezzemolo tritato finemente. Fare attenzione a non lasciare asciugare il preparato, deve rimanere abbastanza sugoso (eventualmente aggiungere un mestolino dell’acqua di cottura della pasta).
Cucinare la pasta in abbondante acqua salata e nel frattempo sbattere le uova in una terrina con una frusta, aggiungere il parmigiano e una presa di sale e pepe. Scolare la pasta al dente e versare nella padella con il condimento. Accendere il fuoco e fare amalgamare il tutto aggiungendo le uova sbattute, girare velocemente. A cottura ultimata (circa 3’/4’) servire calda con una manciata di prezzemolo.

N.B. Per guarnire il piatto, potrete utilizzare alcune valve dei mitili.

“Iuvenilia, io c’ero!”

Guido Bdf.

Messaggio di matricola 2 del 05/08/2012 ore 13:01:07
LINGUINE ALL'ASTICE
Dosi per 4 persone

Ingredienti:
350 gr di pasta tipo linguine;
1 astice di circa 1 Kg;
200 gr di pomodorini (Pachino);
1 spicchio d’aglio;
1 ciuffetto di prezzemolo fresco;
1/2 bicchiere di vino bianco (secco);
Scorza di 1/2 limone;
Olio (oliva), sale, pepe q.b.

Preparazione:

Fate bollire in una pentola capiente abbondante acqua salata e immergetevi l'astice (abbiate l’accortezza di fare due incisioni nella corazza), coprite e fate cuocere per 10’/15’ finché l'astice non sarà diventato di colore arancia. Togliete dall'acqua l’astice e fatelo raffreddare (ricordatevi di lasciare da parte circa 1/2 decilitro di acqua della cotture, vi servirà per amalgamare il sughetto con la pasta che farete saltare in padella). Non appena freddato tagliate l'astice con un trinciapollo nel senso della lunghezza (longitudinale). Separate le due parti ed estraetene la polpa, e spezzettatela in piccoli pezzi (conservate la corazza e le chele che serviranno per la decorazione del piatto). Lavate e tagliuzzate il prezzemolo, tagliate i pomodori a metà, tritate l’aglio dopo avergli tolto la sua camicia e aggiungendo l’olio il sale e il pepe, fate soffriggere per qualche minuto e aggiungete la polpa dell’astice e la scorza di limone (grattugiata). Versate il vino e fate evaporare con l’aiuto di una fiamma alta (2’ saranno sufficienti). Nel frattempo avrete messo la pasta a cuocere in abbondante acqua salata. Scolate le linguine al dente e trasferite nella padella facendole saltare a fuoco alto fino a cottura ultimata nel composto precedentemente preparato. Trasferite le linguine su di un piatto da portata, decorate con il prezzemolo e adagiatevi la corazza che avete riempito con la polpa (non dimenticate di guarnire con le chele).

“Iuvenilia, io c’ero!”

Guido Bdf.

Messaggio di matricola 2 del 01/08/2012 ore 19:00:12
MISTO DI PESCE E CROSTACEI GRIGLIATI
Dose per una persona

Ingredienti:
1 trancio di pesce spada (150 g)
4 alici
2 scampi
1 seppia (150 g)
olio extravergine di oliva q. b.
un rametto di origano
2 spicchi d'aglio
sale q. b.
pepe (bianco) q. b.

Preparazione:
Lavare il pesce spada in acqua corrente, epurare le alici dalle interiora e squamare, tagliare in senso longitudinale gli scampi con le forbici; spellare la seppia dopo avere svuotato la sacca superiore. Mettere l'olio in una ciotola assieme all'aglio in camicia appena inciso (si permetterà la fuoriuscita dell’umore), l’intingolo (con l’aiuto del rametto di origano) sarà utilizzato per inumidire il pesce durante la cottura che sarà a fuoco moderato su una piastra all’uopo destinata. Il tempo varierà secondo il gradimento. Salare e pepare solo a cottura ultimata. Gustare ancora caldo.

“Iuvenilia, io c’ero!”

Guido BDF

Messaggio di matricola 2 del 28/07/2012 ore 15:22:36
SPAGHETTI AI RICCI DI MARE
Dose per 4 persone:

Ingredienti

400 gr. di spaghetti;
200 gr. di polpa di ricci;
olio extravergine d'olive q.b.
1 spicchio d'aglio
prezzemolo tritato fresco q.b.
peperoncino rosso (facoltativo)


Preparazione:
Facciamo bollire in una pentola abbondante acqua già salata e portiamo a quasi cottura gli spaghetti; in una padella versiamo l’olio d'oliva e lo spicchio d’aglio (appena schiacciato) che elimineremo quando sarà dorato, dopo aver spento il fuoco aggiungiamo una cucchiaiata di polpa di ricci. Scoliamo gli spaghetti (al dente) e li verseremo nella padella, facendoli insaporire per qualche minuto con il composto precedentemente preparato. A cottura ultimata, verseremo il resto della polpa nella padella facendo amalgamare il tutto con l’aggiunta finale del prezzemolo.
Il piatto è pronto!

“Iuvenilia, io c’ero!”

Guido BDF


Messaggio di matricola 2 del 25/07/2012 ore 00:08:57
STUZZICHINI DI TARTINE

Ingredienti: (dosi per 4 persone)

1 peperone rosso di media grandezza
8 fette di pan carré
400 g di ricotta
100 g di rucola
1 ravanello
1 cucchiaio di olio di oliva
sale e pepe (bianco) q.b.

Preparazione
Tagliate la fetta di pane carré in senso trasversale e formare due triangoli, lavate le verdure e tagliate il peperone eliminando il picciolo, la placenta e i semini.
Tagliuzzate finemente la rucola e i ravanelli (a rotelle). Amalgamate la rucola tritata alla ricotta, aggiungete l’olio e regolate di sale e pepe.
Con l’aiuto di un cucchiaio ammonticchiate la ricotta sulle fette di pan carré formando un piccolo cono, guarnite con qualche foglia di rucola, qualche filetto di peperone rosso e qualche fettina di ravanello.
Disponete le tartine su un vassoio e servite con un buon vino bianco (magari frizzantino).

“Iuvenilia, io c’ero!”

Guido Bdf.

Messaggio di matricola 2 del 24/07/2012 ore 13:32:28
Signori, il Tricolore è servito!
Guido Bdf
"Iuvenilia, io c'ero!"

Messaggio di matricola 2 del 24/07/2012 ore 13:31:06
PEPERONI ALLA MENTA

Ingredienti:

peperoni rossi 1 Kg
olio d´oliva q.b.
aglio due spicchi (di media grandezza)
sale q.b.
un ciuffetto di mentuccia
zucchero (tre cucchiai)
aceto (bianco) un dl ½ .

PREPARAZIONE:
Lavate i peperoni e tagliateli grossolanamente dopo avere tolto il gambo, la placenta (la parte bianca all’interno) e i semini, asciugarli e versateli nella padella (preferibilmente anti aderente) dove precedentemente avete fatto insaporire l’olio con l’aglio (da asportare dopo che si è dorato), aggiustare di sale e a quasi cottura ultimata versare l’aceto nel quale avete disciolto lo zucchero. Prima di versare il tutto in una terrina, cospargere con le foglie tritate di menta. Lasciare insaporire il composto e servire freddo!

“Iuvenilia, io c’ero!”

Guido Bdf.


Messaggio di matricola 2 del 20/07/2012 ore 21:20:19
In onore al nostro Tricolore eccomi ancora a Voi come promesso. . .

ASPARAGI AL FORMAGGIO

Ingredienti:

Asparagi bianchi coltivati

Preparazione: legare a mazzetti gli asparagi (il numero dipende dalla dimensione) e lessarli immergendoli per circa quindici minuti in acqua salata e già bollente. Terminata la cottura si scolano si passano dall’acqua fredda e si adagiano in un tegame già imburrato, stendere un primo strato e cospargere con della mollica abbrustolita, successivamente coprirli con del formaggio a tocchetti (lascio a voi scegliere il tipo di formaggio: se dolce vi consiglio di aggiungere una spolverata di pepe bianco, se userete del formaggio dal gusto forte non aggiungere altro). Vi suggerisco di usare una teglia dalle dimensioni ridotte, così da predisporre più strati. Dopo l’ultimo strato chiudere una spennellata di uovo e con alcune noci di burro. Passare dal forno a circa 180° per otto/dieci minuti.

“Iuvenilia, io c’ero!”

Guido Bdf.

Messaggio di matricola 2 del 18/07/2012 ore 00:12:46
In onore al nostro Tricolore comincerò con un ingrediente verde e poi. . .

ZUCCHINE FRITTE

Ingredienti per 4 persone:
zucchine 500 g
farina 60 g
parmigiano grattugiato 50 g
uova 2
olio d´oliva (preferibilmente) q.b.
sale q.b.

PREPARAZIONE:

Lavate le zucchine e tagliatele a rondelle grossolanamente lasciando la pellicina esterna.
Utilizzare una ciotola per sbattere le uova con l’aggiunta del parmigiano e un pizzico di sale. Nel frattempo abbiamo asciugato le rotelle di zucchina che passeremo nelle uova poi nella farina e poi ancora nelle uova (verrà una crosticina piuttosto corposa). Riscaldare l’olio in una padella e immergete le zucchine fino a doratura. Preparare una teglia con fogli di carta assorbente e adagiatevi il fritto. In un piatto di portata stendete in strati le zucchine e regolare di sale. Vanno consumate sia calde che fredde: “de gustibus non disputandum est” (non si può discutere sui gusti personali).

“Iuvenilia, io c’ero!”

Guido Bdf.

Messaggio di matricola 2 del 06/04/2012 ore 23:32:35
STROZZAPRETI AL . . . TRICOLORE *
Ingredienti per 4 persone:

350 gr. di strozzapreti;
150 gr. di pomodori maturi (o ciliegino);
100 gr. di mozzarella di bufala;
un ciuffo di foglie di basilico fresco;
olio extravergine di oliva q. b.;
sale, pepe (facoltativo) q. b.


PREPARAZIONE:

tagliare grossolanamente i pomodorini in una ciotola, aggiungere le foglie di basilico spezzettate, il sale, il pepe, l’olio d’oliva, la mozzarella a cubetti e fare insaporire (a freddo) per circa 45’.
Cucinare la pasta in abbondante acqua salata, lasciarla al “dente”, scolare e saltare in padella con il composto per finire la cottura. Prima di servire, calda, aggiungere una spolverata di parmigiano o, per palati più forti, della ricotta salata.
N. B. Il tipo di pasta è sicuramente casuale. . . Ah ah ah ah ah. Il piatto è servito!
“Iuvenilia, io c’ero!”
* In onore dei nostri “SOLDATI”
Guido Bdf.

Messaggio di matricola 2 del 22/01/2012 ore 17:03:33
Facciamo due. . . CHIACCHERE

Ingredienti:

400 g di farina
50 g di zucchero
zucchero al velo q.b.
due uova
40 g di burro
due bustine di vanillina
un cucchiaino di cannella in polvere
3 chiodi di garofano tritati
½ bicchiere di vino moscato
scorza di ½ limone (biologico) grattugiata
olio di semi q. b.

Preparazione:

Impastate la farina, la cannella con i chiodi di garofano (frantumati), la vanillina e preparate una fontana. Aggiungete le uova e il burro fuso, lo zucchero e il vino. Unite al composto la scorza del limone e continuate ad impastare gli ingredienti fino ad avere una pasta consistente. Rendetela sottile e stendetela sul piano di lavoro cosparso di farina. Utilizzate la rotella dentellata per formare rombi
e strisce di varia misura. Riscaldate abbondante olio in una casseruola profonda e adagiatevi le chiacchere. Sgocciolatele appena saranno dorate e posatele su carta assorbente. servire fredde con una spolverata di zucchero
a velo.

"IUVENILIA, IO C'ERO!"

Guido Bdf.

Messaggio di triario del 03/01/2012 ore 21:22:15
Pan fritto dei restauri

Era verso la fine del secolo scorso,
Nella profonda Siberia ci fu uno sviamento di un merci, con diversi carri cisterna, pieni di liquidi mefitici ed incazzosi.
Primo miracolo: nulla scoppiò e s’incendiò. Ero sul posto per cercare di prevenire incendi catastrofici nel recupero, con me una giovane ingegnere ferroviario russa, Irina, molto valida e preparata, tosta. Nata in un villaggio sugli Urali, poco in là cominciava l’Asia. Mi raccontava che da piccola il nonno le insegnava: se nella taigà incontri un uomo e un lupo, spara subito all’uomo. Severa educazione per un severo ambiente.
Tra noi si parlava francese, Lei m’insegnava un po’ di russo ed io d’italiano.
Era la fine della primavera, giornata splendida, con ancora della neve.
Stavamo attendendo, vicino allo Yenisei, un carro gru.Al macchinista della parovoz ( vaporiera) di spinta, diedero una distanza dell’incidente sbagliata di 20 miglia in eccesso. La Locomotiva stava arrivando a tutto regolatore, per guadagnar tempo. Improvvisamente ed inaspettatamente si trovò davanti il putiferio. Rapida ed inversione del vapore, la parovoz si arrestò a meno di mezzo miglio, il gancio di spinta si troncò e 200 ton di gru, a circa 70 km ora, piombarono nel disastro.
Cominciò la contestazione di Newton e della mela. Volava tutto e di più, carri, carrelli, cisterne ,traversine, rotaie, abeti di 50 m si comportavano come i bastoncini di Shangai.
Dal carro mensa, che sarebbe stata l’unica cosa a rimanere intatta, si buttarono fuori ragazze dei servizi, ausiliarie, cuoche…. Molte atterrarono a gambe all’aria e cosa notevole ed interessante in tutto quel baillame, scopersi che non portavano le mutande.
Qualcosa mi accarezzò il ginocchio destro, dopo un’ora era gonfio e si piegava se imprecavo. Ancora oggi ne porto il ricordo.
Nel silenzio irreale, del dopo Armageddon, la prima voce fu quella di Irina, pensosa ed attonita: Yuri, puorca truoia, che casino. Nitchevò, nitchevò ( tutto ok ).
Secondo miracolo; quel giorno lì c’era un congresso di angeli custodi, pochi punti e contusioni, qualche frattura, niente s’incendiò e scoppiò.
L’ingegnera vide il vagone mensa intatto: Yuri, c’est midi, on va faire des GRIENKI:

ritagliare 4/6 fette di pane spesse 1 cm, farle cuocere in padella, in uno strato unico, con burro o olio a secondo, fino a quando non siano dorate e croccanti su entrambi i lati, poi versare 1 uovo sbattuto insieme a circa 5cl di latte sul pane, salare, pepare e aggiungere, se vi piace, un po’ di formaggio grattugiato. Quando l’uovo si sarà rappreso, spolverare con del prezzemolo e servire.

Abbinammo una bottiglia di vino giorgiano nero e dopo, mezzo toscano e vodka, seduti su un tronco d’abete, profumato.
Il macchinista ed il fuochista entrarono spaesati nel carro ristorante, sotto la fuliggine si vedeva il pallore, agguantarono una bottiglia di vino ed una di vodka, diedi loro 2 mezzi toscani, chinarono la testa senza proferir parola, svanirono nella taigà, si dice che non li abbiano ancora ritrovati.
Dopo oltre due lustri, qualche notte sogno ancora il lunapark e sudo ed impreco contro il ginocchio destro.

Na sdorovie.

triario Vigni


Messaggio di triario del 27/10/2011 ore 13:53:19
Torta bollita del prefetto (già boiled cake)

La moglie di un capofficina delle ferrovie di Sua Maestà me la manda per il piovoso " five o'clock tea". Gradevolissima, anche perchè per una ventina di minuti non si fa niente e si cazzeggia simpaticamente.

Versare 225 gr di latte in un pentolino. Aggiungere 300 gr di uvetta, 200 gr di zuccero di canna 110 gr di burro, noce moscata, cannella, zenzero e chiodi di garofano in polvere, 2 cucchiaini in tot. mezzo cucchiaino di sale e a fuoco medio-basso, sobbollire per 15-20 minuti, spegnere e lasciar intiepidire per una mezz'ora. Aggiungere 230 gr di farina, un cucchiaino di lievito per dolci ed un uovo, mescolare molto bene,versare il tutto in uno stampo imburrato. Infornare a 180° per circa 1h20 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare, prima di affettare.

So long, contubernales.

triario Vigni

P.S. Prossimamente: pan fritto dei restauri ( già grienky), con sexy-catastrofica narrazione dalla taigà, indiposcia paccheri bruni del consigliere.

Messaggio di triario del 05/10/2011 ore 18:37:05
Sfizio giallo-rosso al 291 ( già currywurst)

Propinato prevalentemente in quel di Berlino.

Tritate una piccola cipolla molto finemente e fatela appassire in una padellina con l’olio extravergine di oliva, unite un cucchiaino di paprika. Aggiungete 250 gr di passata di pomodoro 250 gr di ketchup ( per me il migliore è l'Heinz), fate sobbollire la salsa, aggiungendo un bicchiere d’acqua calda. Alla fine incorporate un cucchiaino di cumino e 4 di curry giallo, sale q.b.Frullate tutto con un frullatore ad immersione e tenete la salsa in caldo.

Ottimo su crostini, bolliti e per me, va anche bene su lasagnette e bucatini, naturalmente con spolverata di parmigiano.

Tschues, contubernales.

G.Vigni/triario

P.S. Suskenoi, tengo a uallera abboffata, qua le vivande le invio solo io. Scetateve fetentoni!


Messaggio di triario del 21/09/2011 ore 18:49:13
Spaghetti all'ortolana di zi'Achille

Li organizza il capofficina di una ferrovia minore del sud, quando siamo "abboffati" di lavoro e non abbiamo tempo per il ristorante.

Mondate un bel porro: eliminate le foglie esterne più coriacee, affettatelo molto finemente, ponetelo in un tegame, facendolo appassire col burro. Aggiungete cubetti di pancetta .
Indi un quartino di vino nero , un cucchiaino di zucchero, grattugiata di noce moscata, tirate il tutto qualche minuto, prima che il preparato diventi troppo asciutto, passatelo al mixer per ottenere una crema omogenea, poi salate e pepate secondo i vostri gusti.
Cuocete gli spaghetti al dente, scolateli, tenendo da parte un po’ di acqua di cottura, spadellateli nella crema , aggiungete pecorino/parmigiano grattugiato e amalgamate bene.
Se la salsa dovesse risultare troppo asciutta unite qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.

Il rutto è garantito, ma nel frastuono di martinetti, imprecazioni, fischi, chiavi inglesi, sciami di faville, non si nota più di tanto.

Stateve 'buone, suskenoi.

G.Vigni/triario


Messaggio di triario del 16/09/2011 ore 19:47:30
Sfizio dei 3 mari (già skagenröra)

Reduce da un blitz in Svezia, vi propongo una cosa che rifilano dappertutto, per me buona.
3 mari perchè Baltico, Egeo e.... Resina

Tritare bene una piccola cipolla rossa, mescolare con 3 abbondanti cucchiai di maionese, un piccolo Yogurt greco(120 gr),2 cucchiai di aneto ( bene anche quello congelato), pizzico sale marino, 2 pizzichi pepe bianco, 2/3 cucchiaini succo limone.
Incorporare 250 gr di gamberetti, sbollentati appena, spezzettati grossolanamente col coltello.
Condire il utto con uova di lompo, oppure, da noi, ottima una bella grattata di bottarga.

Su crostini, solo, con pomodori, insalata è una goduria.

Sul rompighiaccio dov'ero, mi son procurato un paio di kg di linguine, le ho condite col suddetto ed i vichinghi dell'equipaggio stanno ancora ruttando soddisfatti e grati.

God apetit, contubernales.

Triario

Messaggio di triario del 07/09/2011 ore 12:23:27
Straccetti della Sala cinese

Un lustro fa, con l'amico Ing.ferroviario cinese, tra una danza e l'altra, intorno alle interiora del TAV Shangai/Pechino, rivisitammo un classico piatto romano: gli straccetti.

500 gr di straccetti di manzo, metterli per un ora in frigorifero in una marinata di: mezzo bicchiere di marsala secco, mezzo bicchiere di salsa di soia, pizzico di sale/pepe, cucchiaio di fecola.
Scolare la ciccia e cuocerla in olio caldo, tegame antiaderente, per un 5 minuti,bagnando con la marinata e tirare.

Vanno bene polenta o puré, ottimo un letto di Basmati, magari pilaf.

Nihao, suskenoi, buonappetito.

G. Vigni

Messaggio di pino del 04/09/2011 ore 11:51:47
Ringraziamo Triario (Vigni) Chef ufficiale ( ed internazionale) degli ex allievi di Villa Favorita che con dovizia ed acume diletta oramai quasi quotidianamente i nostri palati con le sue meravigliose ed uniche ricette .Abbiamo cercato di ercolanizzare/favoritizzare il testo delle stesse per sentirle sempre più nostre. Non ce ne voglia la proverbiale maestria del nostro grande amico che ringraziamo anche per la segnalazione delle anomalie anche nelle altre rubriche del sito.
Pino per il coordinamento

Messaggio di triario del 26/08/2011 ore 18:18:14
Rigatoni terra/mare alla casina Zezza

Incredibile, me li son visti presentare da un amico serbo in una valle sperduta del trentino:

iniziate tritando finemente una media cipolla, mettetela quindi in un tegame abbastanza ampio con 4 cucchiai d'olio e fatela appassire, aggiungete abbondante trito di prezzemolo e uno spicchio d’aglio intero. Sgocciolate e sbriciolate il tonno (70 gr sgocciolato), versatelo nel tegame,e unite 5 filetti d'acciughe ridotti in pezzetti . Lasciate cuocere gli ingredienti un paio di minuti fino a che le acciughe non si saranno sciolte e il tutto risulterà amalgamato, quindi unite funghi champignon, 150 gr, tagliati a fettine e mescolate fino a quando non cominceranno a perdere la propria acqua. Quando i funghi cominceranno ad essere morbidi unite 200 gr di fagioli cannellini lessati, saltate velocemente e sfumate il tutto con mezzo bicchiere di vino bianco; lasciate evaporare e aggiungete un dado di brodo vegetale.Mescolate delicatamente per farlo sciogliere e far insaporire gli ingredienti, aggiungete 250 ml di passata di pomodoro. Fate cuocere una decina di minuti e aggiungete pepe nero macinato a piacere . Scolate i rigatoni che avrete bollito in abbondante acqua salata, versateli nel sugo e fateli saltare. Servite i rigatoni ben caldi, spolverizzati eventualmente con altro prezzemolo tritato.

Il sugo è per 4.

Un saluto serbo, le tre dita alzate, la Trinità, contubernales.

G. Vigni

Messaggio di triario del 30/07/2011 ore 14:51:09
CREMA bi-uso alla Carolina l'asburgica

suskenoi" (in greco,"contubernales").
qui il da farsi:

150 tonno sgocciolato, 100 burro, cucchiaio capperi, 2 cucchiai mayonese.
Frullare sino a crema.

- peperoni arrostiti in forno con goccio olio, tagliare a strisce, mettere la crema, fare involtino, a freddo, deliziosi.

- linguine o spaghetti, scolati bollenti, condire con crema, idem c.s.

G. Vigni

Messaggio di matricola 2 del 17/07/2011 ore 13:52:38
ZUCCA ALL'AGRODOLCE "FAVORITA"

Ingredienti:
1 zucca rossa,
olio d’oliva, sale, aglio, menta, aceto (di vino bianco) e zucchero in quantità variabili –

Preparazione:
tagliate a fette la zucca (circa 1 cm. di spessore), cospargetela di sale e fatele “perdere l’acqua” in eccesso. Friggetela in abbondante olio in una padella antiaderente e mettetela da parte facendole sgocciolare l’olio. Soffriggete, quindi, l’aglio, unite la zucca, un pizzico di sale e una abbondante manciata di menta, sfumate il composto con l’aceto per qualche minuto, che preventivamente era stato zuccherato.

Servire questo piatto freddo, una vera goduria per il palato.

“IUVENILIA, IO C’ERO!”

Guido Bdf

Messaggio di triario del 04/07/2011 ore 16:51:56
MUFFLETTO di Caposele alla Ferdinando

Preparazione: Vanno lessate le patate , sbucciate e schiacciate; alle patate viene aggiunta farina (in proporzione 1/0,5) ed il sale; si aggiunge lievito sciolto in poca acqua e quindi si aggiunge lentamente acqua fino a rendere l'impasto sufficientemente elastico e si continua ad impastare per almeno 15 minuti. L'impasto viene conservato adeguatamente coperto in un luogo tiepido per permettere la lievitazione per circa un'ora. Si preparano le pagnotte, di forma rotonda, che vengono lasciate a lievitare per un'altra ora. Si inforna ad una temperatura di almeno 180 °C, in forno tradizionale a legna o a fascine.

Contubernales, facciamoci il pane, la farina è quella per la pizza.

G. Vigni

Messaggio di matricola 2 del 02/07/2011 ore 17:45:25
Ragazzi,
è appena entrate la stagione estiva e ancora una volta vi propongo un piatto veloce e per questa stagione, semplice da preparare e buona degustazione:

SPAGHETTI CON ACCIUGHE “IUVENILIA”
Dose per quattro persone
ingredienti:
400 gr. di spaghetti;
1 spicchio d’aglio;
150 gr. di pan grattato *
2 grosse acciughe salate **
olio extravergine d’olive;
sale e pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:
fare soffriggere nell’olio d’oliva (¾ di bicchiere), lo spicchio d’aglio schiacciato, che eliminerete quando avrà lasciato il suo sapore, sciogliete le acciughe diliscate, e aggiungere il pepe nero a piacimento.
Lessate e salate a parte gli spaghetti, scolateli al dente, conditeli con il preparato e spruzzateli con il pan grattato tostato.
* Tostate il pan grattato in una padella fino ad una colorazione dorata.
** Lavate e asciugate bene – eventualmente sostituire con 30 gr. di pasta d’acciughe.
N. B. Abbiate cura di lasciare da parte un mestolino di acqua di cottura della pasta, che userete pel far saltare in una padella e ultimare la cottura tutti gli ingredienti.
Che goduria, a presto.

“IUVENILIA ,IO C’ERO!”

Guido Bdf.

Messaggio di matricola 2 del 28/06/2011 ore 23:29:08
Amici, vorrei proporvi un piatto prettamente estivo:
BUCATINI AL POMODORO IN CRUDO
ovvero Bucatini alla Borbone/Favorita

Dose per quattro persone
Ingredienti:
300 gr. di bucatini:
4 pomodori appena maturi di media grandezza;
1 mozzarella (preferibilmente di bufala);
un ciuffo di basilico fresco;
uno spicchio d’aglio;
peperoncino rosso (secco e tritato) facoltativo;
olio extra vergine d’oliva e sale q. b. -

Preparazione:
lavate i pomodori, pelateli e spezzettateli in una scodella, unite la mozzarella a dadini, unite le foglie di basilico, triturate l’aglio, aggiungete il peperoncino; irrorate con l’olio extra vergine e salate. Lasciate insaporire il composto per circa mezzora.
Lessate i bucatini e scolateli al dente, versate il composto in una padella e fate amalgamare per alcuni minuti. Servite e a piacere spolverate il tutto con dell’ottima ricotta salata.
“IUVENILIA, IO C’ERO! “
Guido Bdf.-


Messaggio di triario del 20/06/2011 ore 20:00:16
Manzo alla Favorita (già California)

Qui una ricetta, andata in disuso, della mia gioventù comasca:


Ingredienti: 1 kg di girello di manzo , 30 g pancetta, 50 g burro, 1 cipolla, 1 cucchiaio farina, ½ bicchiere aceto, 250 g panna, 1/4 di litro di brodo.
Lardellare la carne con la pancetta, imbiondire la cipolla nel burro e metterla da parte.
Legare e infarinare la carne, rosolarla a fuoco vivace con l'aceto, finché esso si sia asciugato. Abbassare la fiamma, salare un poco e versare nella pentola il brodo caldo, metà panna e la cipolla.
Coprire e far cuocere almeno 2 ore, fiamma minima.
Una volta cotto, aggiungere il resto della panna, mescolare e togliere subito dal fuoco.

Buon appetito, contubernales.

G.Vigni




Messaggio di matricola 2 del 12/06/2011 ore 12:41:46
Torta nera ONAOMCE
ingredienti:
3 uova
150 g. zucchero
160 g. farina ( O O )
150 ml. Latte parzialmente scremato
3 cucchiai di nutella (per l’impasto)
1 bustina lievito per dolci
nutella e panna q.b. (da spalmare)

PROCEDIMENTO:
separare i tuorli dagli albumi, battere a neve quest’ultimi e aggiungere lo zucchero fino al suo scioglimento; mescolare ai tuorli e amalgamare bene il tutto; aggiungere il latte, la nutella, la farina e il lievito. Infornare a 180° per 20/30 minuti ( secondo il forno in possesso). Ultimata la cottura dividere longitudinalmente la ciambella e spalmare uno strato di nutella (q.b.), sul quale si aggiunge la panna (q.b.); ricoprire la ciambella e spolverare con lo zucchero a velo.
Buona degustazione
Guido Bdf
“IUVENILIA, IO C’ERO !”

Messaggio di allievo53 del 10/06/2011 ore 21:10:03
Messaggio di airla del 09/04/2011 ore 09:26:53
"MEZZE MANICHE ALLA FAVORITA"
Uguali dosi di ciascun componente.
1. Buona salsa di pomodoro con spicchio d'aglio e basilico
2. Maionese
3. Panna
4. Olive nere snocciolate (mollo suggerisce di Gaeta)
5. Prosciutto cotto
6. Parmigiano
Frullare il tutto fino ad ottenere un buon amalgama.
Preparare a parte le "mezze maniche" (mezzi paccheri, tubettoni, ecc.) in acqua bollente fino al punto di cottura preferito, scolare e versare la pasta nel sugo di cui sopra.
Servite e buon appetito.
Giorgio Vigni

Messaggio di allievo53 del 10/06/2011 ore 21:07:50
Messaggio di triario del 16/04/2011 ore 21:54:19
RISO ALLA FAVORITA

Veloce e gustoso:
un tuorlo a persona, un bel pezzo di burro, abbondante parmigiano grattuggiato. Con la forchetta impastare fino ad ottenere una crema omogenea e consistente. Versare sopra il riso bollito, scolato e bollente. Amalgamare.

Buon appetito.
G. Vigni


Messaggio di allievo53 del 10/06/2011 ore 21:07:17
22/04/2011

CROSTINI CON PATE' DI FEGATINI - Umbria
Prendete dei fegatini di pollo, lavateli e riponeteli in una casseruola, unite rosmarino, salvia, aglio, cipolla, un cucchiaio di capperi sotto aceto, uno spicchio di limone, sale grosso (regolatevi), Riempite con acqua ed aggiungete un po’ di olio extravergine oliva, un goccio di aceto e far cuocere bene per almeno un'oretta, se l'acqua si asciuga rimboccate poco alla volta servirà per far cuocere bene i fegatini.
Verso fine cottura non aggiungere più acqua, ne deve restare solo un pochino poiché una volta cotti verranno passati al macinino con tutti gli odori.
Prendete delle fette di pane tostato (o non tostato) e cospargete il patè così ottenuto...
Sono un' antipasto divino tipico delle nostre parti sempre gradito.

PASTA CON CARCIOFI e SALSICCIA
Pulire dei carciofi , metterli a bagno con un po’ di limone ed acqua. Intanto mettere a bollire l'acqua per la pasta e, in una padellina a parte mettere la polpa di salsiccia a cuocere cercando di sbriciolarla fina. Se volete , potete passarla al frullatore non appena è cotta per sminuzzarla ulteriormente così si distribuirà meglio il sapore .. Poi prendere i carciofi, tagliarli a fettine ed aggiungerli alla salsiccia con uno spicchio di aglio, della passata di pomodoro ed un rametto di origano fresco. Condite la pasta con sugo a volontà ed abbondate parmigiano....
Efisio Sanna

Messaggio di allievo53 del 10/06/2011 ore 21:04:17
30-4.2011 triario
Bruschetta alla Favorita

L'attribuzione Favorita è abusiva.
La suddetta mi fu servita su una nave della MM, durante delle prove esplosive(40 kg di TNT a 7 m sotto lo scafo), prove che potrete vedere sul video del mio sito www.prevesco.it .
L'abbinamento salame tonno mi sconcertò, ma all'assaggio cambiai parere.
Fetta di pane bruschettata, olio aglio, dadolata di pomodoro, fette di salame, ricoprire con tonno all'olio. Eccellente.

Buona domenica, contubernales.

G. Vigni

Messaggio di matricola 2 del 09/06/2011 ore 16:58:17
CALAMARI FAVORITI . . . .

Dalla Sicilia terra di sole e di mare, non può mancare un piatto di pesce naturalmente caro Antonio e pertanto eccoti/vi la mia ricetta. Gustatelo con un buon vino “Bianco” secco molto fresco.
Potrebbe essere un’alternativa al capretto o l’agnello pasquale ?

Dose per quattro persone:

Quattro calamari
80 gr. di gamberetti
80 gr. di pane raffermo grattugiato
50 gr. di polpa di pomodoro
30 gr, di provolone piccante (buccia nera)
20 gr. di olive nere
20 gr. di pinoli
Olio extra vergine d’olive q. b; un ciuffo di prezzemolo; uno spicchio d’aglio; sale e pepe q. b.

Procedimento:
Iniziamo con la pulizia dei calamari, ecco come fare:
Separare con attenzione i tentacoli con le interiora dal corpo, sfilare la conchiglia trasparente (il gladio) dalla sacca. Eliminate la pelle e sciacquarli sotto l’acqua corrente per pulire da eventuali residui presenti nella sacca stessa, facendo attenzione a non romperla. Asportare il becco corneo che si trova al centro dei tentacoli ed eliminare occhi e interiora. Tagliare i tentacoli a pezzetti e aggiungere i gamberetti sgusciati. Tagliuzzare a dadini il provolone, aggiungere i capperi (tagliuzzati), le olive (snocciolate e affettate), i pinoli (tagliuzzati), l’aglio (tritato), il pangrattato, la polpa di pomodoro regolando di sale e di pepe. Quindi impasteremo bene il tutto fino a raggiungere un composto di una certa consistenza e omogeneità, riempiete i calamari per 3/4. Chiudere le sacche dei calamari ripieni con degli stuzzicadenti. Adagiarli infine in una teglia anti aderente, avendola preventivamente appena trattata con olio d’olive. Spruzzare sopra del vino bianco (non frizzante) e cospargeteli con del pomodoro condito di sale e olio. Infornare a forno caldo per circa 15/20 minuti (temperatura del forno a circa 180°) il tempo di cottura dipende dal tipo di forno. A cottura quasi ultimata, cospargere di prezzemolo tritato.
N.B. I quantitativi sono rapportati a calamari di circa 100/120 gr. ciascuno.

AUGURI RAGAZZI, BUONA PASQUA !

“IUVENILIA, NOI C’ERAVAMO!”

Guido Bdf.
Gli SPECIALI

MONOGRAFIA VILLA FAVORITA
a cura di Francesco Franchi, Guido Zanella, Giorgio Vigni, Giancarlo Francone

Il nostro logo:

Gruppo Villa Favorita




Si ringrazia per la collaborazione:

Ultimi messaggi di
- mimmo1941
- mimmo1941
- mimmo1941

Per informazioni o comunicazioni contattaci all'indirizzo info@exallievi-villafavorita.net                                                                   Sei il visitatore n° 95311